Mondiali volley, prima vera sconfitta dell'Italia a opera della Serbia

È una partita difficile quella della nazionale di pallavolo italiana all'ombra della Mole. I serbi disarmano i gladiatori azzurri con 3 set a 0

È una schiacciata in piena faccia per l’Italia di Chicco Blengini. La Serbia è fortissima, gioca bene in difesa, attacca e colpisce, molto meglio degli azzurri. E infatti sono 3 set a zero per i serbi che sbalordiscono e stordiscono i gladiatori italiani.

A Torino, la Serbia è stellare

La final six si svolge nella città sabauda e vede sfidarsi da una parte Russia, Brasile, Stati Uniti in un girone di fuoco e dall’altra l’Italia con Serbia e Polonia. Quella di stasera, svoltasi al Pala Alpitour di Torino, non è la partita che 12mila persone, il pubblico presente, si aspettavano.

La Serbia (che presenta nel palmares primi posti degni di nota come i primi posti alle Olimpiadi di Sydney del 2000, ai campionati europei del 2001 e del 2011 e alla World League del 2016) si porta a casa una partita quasi perfetta, innervosendo gli italiani che soffrono, si irrigidiscono, sbagliano. “Non stiamo facendo una grande partita” urla ai suoi Blengini, constatando l’amara realtà.






Mondiali volley, per l’Italia non è ancora finita

Per la nazionale che sta facendo innamorare ed esaltare un intero Paese, la battuta di arresto, subìta proprio in casa, brucia. Non è comunque ancora finita. Per qualificarsi alle semifinali, venerdì c’è il match contro la Polonia.

Onore alla Serbia, hanno giocato benissimo – ammette il capitano, Ivan Zaytsevora non possiamo che tornare in hotel e resettare tutto“. Ed è stato proprio lo zar ad aver incitato i fan sul suo profilo Instagram “minacciando” gli avversari: “Torino deve diventare un inferno per i nostri avversari!“. Ma l’unica cosa che brucia a Torino stasera è l’orgoglio della nazionale italiana.