Vialli torna a parlare della malattia: "Molto spesso me la sono fatta addosso"

Gianluca Vialli forse non si aspettava l'ondata di affetto che è nata dopo l'uscita del libro Goals. 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili, dove ha raccontato anche della malattia contro cui lotta. Ieri sera a Che tempo che fa l'ex calciatore ha raccontato per la prima volta in tv qualcosa in più.

La lotta al tumore

"Faccio fatica a dirlo ma l'esperienza del tumore, anche se sembra strano, mi ha aiutato a diventare una persona migliore. Tutti credono che io abbia affrontato la malattia con coraggio, ma la verità è che molto spesso me la sono fatta addosso. Vivere la malattia ti aiuta a vedere tutto sotto un'altra prospettiva, dai più valore alle cose, alla famiglia, devi prenderti cura di te stesso", ha raccontato ieri sera l'ex campione. Bisogna poi affrontare la malattia, e Vialli l'ha fatto "mettendomi degli obiettivi a lunga e breve scadenza". A lunga scadenza c'erano quello di "non morire prima dei miei genitori e portare le mie figlie all'altare quando si sposeranno". "Poi mi sono dato invece degli obiettivi a breve scadenza: l'operazione, la degenza, la chemio, la radio e infine andare di nuovo in vacanza in Sardegna con un fisico da far vedere".

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Your support makes me stronger! Grazie #iamnotasurvivoriamawarrior

Un post condiviso da Luca Vialli (@lucavialli) in data:

Il libro

Da poco è nato Goals. 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili, dove proprio l'ultima storia è quella autobiografica. "L'idea di scrivere un libro è nata con la speranza di poter dare una mano a chi come me si è trovato in situazioni difficili nella propria vita. Tutto è successo in maniera improvvisa. Ho affrontato questa malattia con lo stesso spirito che avevo da calciatore".

 

Visualizza questo post su Instagram

 

?out and about..#london

Un post condiviso da Luca Vialli (@lucavialli) in data: