Bruxelles a ferro e fuoco: manifestazioni pro e contro i migranti

I manifestanti hanno raggiunto la sede della Commissione Europea, esplose bombe carta. Necessario l'intervento delle forze dell'ordine, costrette ad usare gas lacrimogeni

Una domenica d’assalto a Bruxelles, questa del 16 dicembre. Per ore si sono perpetrati gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. Due fronti opposti per quanto riguarda la questione dei flussi migratori tratta nel Global Compact: una compagine pro, l’altra contro.

In corso durante la giornata ben due manifestazioni, una pro ed un’altra contro i migranti. Bersaglio dei contestatori la sede della Commissione Europea. Ci sono stati anche alcuni arresti. Nell’Angelus di oggi, Papa Bergoglio ha rinnovato il suo appoggio per l’accordo di Marrakech.

Le manifestazioni

In 5500 sono scesi in piazza oggi nella capitale Belga, cuore dell’Unione Europea, a seguito della firma dei 164 Paesi che hanno siglato l’accordo proposto dall’Onu a Marrakech. Manifestanti dell’estrema destra fiamminga si sono scontrati con un’altra frangia in protesta, a favore, invece delle politiche migratorie sottoscritte con il Global Compact, schierando contro ideologie xenofobe e razziste, che annoverano tra le loro schiere anche i gilet gialli.


scontri a Bruxelles

I manifestanti si sono scontrati davanti alla sede della Commissione Europea, dove sono state lanciate bombe carta e petardi, ma anche insegne e cartelli stradali, sradicati nel corso della marcia. Molti dei contestatori avevano il volto coperto.

L’intervento delle forze dell’ordine

Tutto questo ha reso necessario l’intervento della Polizia, che ha dovuto caricare una frangia di circa 300 persone, utilizzando gas lacrimogeni.

 





Gli scontri si sono consumati nei pressi di Rond Point Schuman. Qui le forze dell’ordine hanno usato anche gli idranti per smorzare la guerriglia in atto.

L’intervento di Papa Francesco

Nel frattempo a Roma, questo pomeriggio, il Pontefice si è espresso a favore del Global Compact e degli esiti registrati la settimana scorsa a Marrakech.

papa-francescoPapa Francesco appoggia il Global Compact. Fonte foto: Adnkronos


La settimana scorsa è stato approvato il Patto Mondiale per una Migrazione Sicura, Ordinata e Regolare, che intende essere un quadro di riferimento per la comunità internazionale” ha dichiarato Bergoglio. “Auspico pertanto che essa, grazie anche a questo strumento, possa operare conresponsabilità, solidarietà e compassione nei confronti di chi, per motivi diversi, ha lasciato il proprio Paese, e affido questa intenzione alle vostre preghiere“.