violenza sessuale

Una raccapricciante violenza avvenuta negli anni Novanta, ma resa nota solo anni dopo. La Cardiff Crown Court ha condannato due fratelli per aver abusato di una ragazza: l’assurda giustificazione data dall’uomo è che il fratello non aveva rapporti sessuali da tempo.

Non ha rapporti sessuali da tempo: violentano una giovane

Shaun Gregg, 42 anni, e il fratello minore Logan, 39 anni, sono stati giudicati colpevoli di violenza sessuale su una giovane donna. Il primo ha trattenuto la donna mentre il fratello abusava di lei, e avrebbe fatto la stessa cosa per il padre durante un tentato stupro sulla stessa persona in un’altra occasione. La violenza sessuale sarebbe stata perpetrata dopo che Logan Gregg si sarebbe lamentato con il fratello di “mancanza di contatti sessuali” da tempo.

stupro cardiff
I due fratelli condannati per la violenza sessuale

Il fatto è avvenuto a metà anni Novanta, ma la vittima all’epoca non ha sporto denuncia. La decisione di denunciare i suoi aguzzini è arrivata dopo che uno dei fratelli è entrato nel negozio di beneficienza dove lavora la vittima. A quel punto la giovane avrebbe confessato quanto accaduto ad una collega. I tre uomini sono stati condannati a 22 anni di prigione dalla Corte di Cardiff.

Nessun rimorso per quanto fatto

Il giudice Michael Fitton ha dichiarato che Shaun Gregg si è mostrato “arrogante” e che ha mostrato “una totale mancanza di rispetto per la vittima“. Il togato ha detto all’uomo che non ha mostrato il minimo rimorso per quanto fatto alla giovane. Il fratello Logan Gregg avrebbe invece una lunga carriera da criminale, con 47 reati all’attivo, dall’aggressione al furto. L’uomo si trova ora alla Channings Wood Prison: il suo avvocato ha dichiarato che non avrebbe ricevuto “influenze positive” da parte dei genitori e che ha vissuto in dozzine di indirizzi diversi quando era giovane. Il padre, 62enne, è stato trovato colpevole di tentato stupro. La vittima è una donna vulnerabile, con diversi problemi avuti durante l’infanzia: “Ha subito molta crudeltà e violenza“, ha dichiarato il giudice.