Militante dell'Isis

Di pochi minuti fa la notizia, rilanciata da numerose fonti internazionali, di un importante arresto ai vertici dell’Isis. Stando a quanto riportato, l’intelligence dell’Iraq avrebbe catturato Abdul Nasser Qardash (riportato anche com al-Qirdash), l’uomo che era considerato tra i possibili successori di Abu Bakr al-Baghdadi.

Tra i possibili successori del leader al-Baghdadi

La notizia arriva pochi mesi dopo l’annuncio della morte di al-Baghdadi stesso, leader dell’organizzazione jihadista salafita attiva in Iraq e Siria. Al-Baghdadi è stato ucciso in un raid a Idlib, a fine ottobre 2019. Con lui, morì anche Hassan al-Muhajir, l’allora numero due dei terroristi considerati gli eredi più pericolosi dopo al-Qaeda, dai quali si sono staccati nel 2014

Negli ultimi mesi, erano emerse numerose voci sul possibile successore di al-Baghdadi.

A inizio gennaio, era circolato il nome di al-Salbi: tra i vari alias dello stesso figurerebbe anche un Abdullah Qardash, detto “Il Professore” che non sarebbe però lo stesso dell’arresto di questa sera.

C’è difficoltà a tenere tracciati i profili dell’Isis: il nome Qardash infatti sarebbe precedentemente identificato anche come un appartenente all’Isis morto negli anni scorsi. Stando alle fonti, invece, Qardash sarebbe stato scelto personalmente da al-Baghdadi come suo successore: i due sarebbero stati insieme in prigione a Camp Bucca, attorno al 2003-2004.

Tuttavia, la persona di cui si è tracciato il profilo sarebbe il Qardash “sbagliato”: Abdullah, e non Abdul Nasser.

L’annuncio da Sky News Arabia

Basandosi su quanto riportato da Sky News Arabia questa sera, Abdul Nasser Qardash avrebbe ricoperto “posizioni di leadership nell’organizzazione sin dai tempi di Al-Zarqawi“. Inoltre, sarebbe stato anche “capo del comitato delegato nei giorni di al-Baghdadi, e ha guidato le battaglie di al-Baghuz“, cita il sito di news riportando fonti di intelligence iraqene.

Qardash è stato arrestato nel 2019

La notizia dell’arresto di una persona chiamata Qardash, ha generato parecchia confusione. Numerose agenzie hanno rilanciato la foto e la biografia di Abdullah Qardash, l’alias con cui è conosciuto l’attuale califfo dello Stato Islamico, come appare sull’organigramma dell’organizzazione terroristica. La confusione è stata generata anche dal fatto che Abdul Nasser sarebbe stato a tutti gli effetti un alto profilo nell’Isis e serio candidato alla leadership, ma questo prima che Qardash fosse arrestato nel 2019.

Ulteriori notizie in merito alla notizia dell’arresto di Qardash, infatti, hanno appurato che le fonti arabe si riferivano al trasferimento dalla Siria all’Iraq. Qardash, infatti, era stato arrestato dalla SDF (Forze Democratiche Siriane) e trasferito almeno 2 settimane fa, stando a quanto appurato da alcune fonti. Viene così ridimensionata la notizia di un grosso colpo all’Isis, dopo l’iniziale entusiasmo dovuto ad uno scambio tra persone con un nome simile.

L'analista Nibras Kazimi fa notare lo scambio di persona su Twitter
L’analista Nibras Kazimi fa notare lo scambio di persona su Twitter

CORREZIONE 21/05/20 – Contrariamente a quanto inizialmente riportato da fonti internazionali, Abdul Nasser Qardash non sarebbe stato arrestato nei giorni scorsi, ma nel 2019 e solo ora trasferito in Iraq.

Per questo motivo, in data 21/05/20 alle 18.20 è stato aggiunto l’ultimo paragrafo, che chiarisce la dinamica degli eventi.

Approfondisci

Isis, eletto il successore di al-Baghdadi: è al-Salbi

Trump annuncia: Al Baghdadi è morto. L’Isis è stato decapitato