claudio ferretti

È morto ieri sera a 77 anni a Roma Claudio Ferretti, storico giornalista della Rai e voce del programma Tutto il calcio minuto per minuto. A darne notizia proprio la Rai che ne ha sottolineato le doti personali e anche il suo grande lavoro al servizio della rete. Moltissimi i colleghi che lo stanno ricordando sui social in queste ore.

Il lavoro di Claudio Ferretti

Il lavoro fatto da Ferretti è stato un lavoro di famiglia, una eredità lasciata dal padre Mario che era la voce a commento delle indimenticabili gare di Fausto Coppi.

Fu proprio Mario a coniare, nel 1949, durante una tappa del Giro d’Italia la frase iconica: “Un uomo solo al comando, la sua maglia è biancoceleste, il suo nome è Fausto Coppi“. Stesso lavoro ma diverso sport, Claudio Ferretti è stato la voce del calcio e nello specifico del campionato di Serie A. Ferretti è stato tra i conduttori del Tg3 di Sandro Curzi. Moltissime altre trasmissioni sportive all’attivo: È quasi goal, Anni azzurri, Telesogni e L’una italiana. Ferretti è stato anche autore di un libro sulla storia della Rai, RicordeRai, scritto a 4 mani con Barbara Scaramucci.

Dopo aver lasciato la Rai, tornò in onda il 10 gennaio 2010 di fronte ai microfoni di Tutto il calcio minuto per minuto. La ricorrenza era una puntata speciale ideata per per il 50esimo compleanno della trasmissione. Con lui in quella circostanza c’erano anche Riccardo Cucchi, in collegamento da Firenze, in occasione del match Fiorentina-Bari.

I messaggi di saluto a Ferretti

Il conduttore Andrea Vianello ha scritto su Twitter un messaggio per commentare la notizia: “No, Claudio Ferretti. Questo no.

Ho lavorato con lui, una grande voce della radio, un ideatore di Tv. Mi spiace tanto. Addio Claudio“. “Claudio Ferretti e il racconto dello sport cambiò: non solo il gesto tecnico, non solo tattica e schemi ma anche e soprattutto spettacolo, cultura, storia, etica, impegno sociale“, scrive su Twitter l’Usigrai.