mara venier

Ogni domenica Mara Venier ha continuato a tenere compagnia a tanti italiani, anche nel periodo dell’emergenza coronavirus. In una diretta Instagram con Rudy Zerbi, la conduttrice rivela però di essere stata ad un passo, in quelle tragiche settimane di marzo, dal non andare più in onda con Domenica in.

Anche per un personaggio come lei, abituato da sempre ad essere allegro e gioviale, la paura e la tensione di quei giorni si è fatta sentire. “Io ho vissuto personalmente un incubo”, ha raccontato, non senza tradire una certa emozione.

Il rischio di interrompere Domenica in

Gestire l’emergenza è stato difficile in tutti i settori, non da ultimo quello dello spettacolo.

A marzo la possibilità per Domenica in di fermarsi è stata concreta: “Quando mi hanno chiesto di continuare con Domenica in, sinceramente io la prima puntata mi sono fermata, perché doveva venire Sileri (Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, ndr) e al sabato è venuto fuori che lui era positivo“, confessa Mara Venier, “Quella domenica avevo 13 ospiti e io sono andata proprio nel panico. Ho chiamato e ho detto al mio direttore di rete ‘Io non vado in onda domenica’”.

A quel punto la puntata salta, ma la stessa sorte sarebbe potuto toccare anche a quella della settimana successiva: “Il lunedì mi ha chiamato Salini (Fabrizio Salini, amministratore delegato della Rai, ndr), alla fine mi hanno convinta, ma le prime due puntate ero talmente scioccata e talmente impaurita che andavo in onda, ma ogni due per tre mi veniva da piangere, non riuscivo proprio ad andare avanti”.

La paura per la salute del marito

Alla base di questa paura, spiega ancora la Venier, non c’erano solamente i dati sanitari che stavano arrivando da tutta Italia, ma anche una situazione più personale, legata alla salute del marito.

Nicola Carraro aveva avuto una polmonite bilaterale a dicembre, poi superata grazie all’aiuto dei medici. Facile comprendere come l’epidemia, arrivata un paio di mesi dopo, possa aver creato qualche preoccupazione.

Io e mio marito personalmente siamo invecchiati di 15 anni“, ha continuato la Venier durante la diretta Instagram, “Io ho sempre visto mio marito molto forte, è sempre stato la quercia sulla quale io mi appoggiavo. L’ho visto crollare, lui ha 78 anni e, stando a casa per mesi, senza vedere i figli, senza poter vedere gli affetti, senza poter uscire, con la paura dell’età a rischio, per la prima volta l’ho visto indebolito, piangeva tutti i giorni”.

Post Instagram di Mara Venier
Post Instagram di Mara Venier

Apprezzare le piccole cose

La forte preoccupazione per il marito, la situazione sanitaria e l’incertezza nell’andare in onda hanno suscitato un momento di profonda riflessione. Ciò che rimarrà di tutto questo, sottolinea la Venier, sarà forse una maggiore consapevolezza.

Io ho sempre detto, anche a Domenica in, che dopo saremo sicuramente migliori, non so se lo dico perché me lo auguro o lo spero, io sicuramente sono più consapevole – ha concluso la presentatrice – Questo vuol dire cambiare, dare anche valore alle piccole cose e apprezzare di più la nostra quotidianità e quello che abbiamo”.