insegna dei negozi bulgari

È morta Anna Bulgari Calissoni all’età di 93 anni. La donna era l’erede della maison di gioielli Bulgari, marchio noto in tutto il mondo fondato nel Settecento. Anna Bulgari è salita agli onori della cronaca negli anni Ottanta per il rapimento insieme al figlio Giorgio, allora 17enne, dall’Anonima sarda.

Morta Anna Bulgari, erede della dinastia di gioiellieri

Anna Bulgari era l’erede del marchio Bulgari, gioiellerie con negozi in tutto il mondo, simbolo di lusso e amati dalle star. L’ereditiera era stata protagonista di una triste vicenda quando è stata rapita nel 1983 dall’Anonima sarda nei dintorni di Aprilia, a sud di Roma.

La famiglia aveva lì la sua dimora, dove Anna viveva insieme al marito Franco Calissoni, che di Aprilia è stato anche sindaco.

Il riscatto per lei e il figlio Giorgio ammontò a 4 miliardi di lire, ma l’allora 17enne subì l’amputazione dell’orecchio a causa del ritardo nel pagamento. Il rapimento fu molto travagliato per madre e figlio così come per i familiari, in un’epoca in cui si usava il pugno di ferro nelle trattative per i frequenti sequestri di persona.