Antonio Pappalardo e i Gilet arancioni a Milano

Fanno scalpore le immagini che hanno inondato i social nella giornata di sabato 30 maggio. Diverse centinaia di persone, incuranti delle norme di sicurezza (distanziamento sociale e mascherine) hanno invaso le più importanti piazze italiane indossando gilet arancioni per protestare contro il governo e non solo.

Il movimento, che si fa chiamare proprio dei Gilet Arancioni, richiamando i cugini francesi, i gilet gialli, è guidato da Antonio Pappalardo, già noto per il movimento dei forconi. A Roma sono scesi in piazza militanti di Casa Pound sempre per protestare contro il governo.

I gilet arancioni a Milano

A centinaia in Piazza Duomo al seguito dell’ex generale di brigata dei carabinieri ed ex deputato Antonio Pappalardo. Tutti con indosso un gilet arancione da addetto ai lavori e intonanti slogan come “Libertà”. Nel su discorso, Pappalardo ha ripreso diversi temi come la fine del governo Conte, definito come non votato, l’uscita dall’Europa, il ritorno alla Lira, la disperazione del popolo ridotto alla fame durante l’emergenza Covid-19…

Proprio sul nuovo Coronavirus si sono incentrate la maggior parte delle accuse, tra queste la teoria che questo sia stato alimentato dalle antenne 5g.

Nell’esporre le sue teorie, Pappalardo ha accusato il governo di voler vendere l’Italia alla Cina. Infine è stato toccato anche il tema vaccini, sul quale è stato richiesto di creare una commissione di esperti che ne valuti la pericolosità.

La condanna del sindaco Sala

Ho chiesto al Prefetto di denunciare gli organizzatori della manifestazione dei cosiddetti gilet arancioni” esordisce così il sindaco di Milano Beppe Sala con un post su Facebook. “Un atto di irresponsabilità in una città come Milano che così faticosamente sta cercando di uscire dalla difficile situazione in cui si trova“.

il post su facebook di Beppe Sala

Tensione a Roma con Casapound

Anche a Roma si sono verificati alcuni momenti di tensione a seguito di alcune manifestazioni organizzate da Casapound tenutesi tra piazza Venezia e Via del Corso. Anche nella Capitale qualche manifestante si è presentato con indosso il gilet arancione.

Denunci per Pappalardo

AGGIORNAMENTO DELLE 22- Il leader del neonato movimento dei gilet arancioni, Antonio Pappalardo, sarà denunciato nelle prossime ore per la manifestazione di oggi. La denuncia riguarda il mancato rispetto delle norme previste dal DPCM in merito di sicurezza della persona.

Nel particolare si tratta del mancato rispetto del divieto di assembramento, dell’obbligo di indossare mascherine protettive di mancato rispetto del distanziamento sociale.

Secondo quanto riferisce ad AdnKronos una fonte della Questura, Pappalardo era responsabile della manifestazione e come tale era responsabile per ogni partecipante. Anche alcuni partecipanti sono stati identificati, per gli altri ci vorranno giorni.

Guarda il video: