Salvo Sottile in primo piano

Come molte trasmissioni anche Mi Manda Rai Tre ha concluso la messa in onda per la prima parte dell’anno ed è in procinto di cominciare la pausa estiva. In questo caso, l’ultima puntata non è servita solo a salutare gli spettatori ma anche a dire addio ad un amato conduttore come Salvo Sottile,  che ha vissuto l’addio al programma con grande commozione.

Il saluto di Andrea Vianello

A salutare il conduttore, nell’ultima puntata, c’era Andrea Vianello, che a sua volta è stato conduttore del programma dal 2004 al 2010. È Vianello a complimentarsi per primo con Sottile: “Hai raccontato il lockdown e il coronavirus in un modo diverso da tutti gli altri”.

 

Il difficile periodo del lockdown

È stato infatti difficile, per Sottile ed il suo team, dover lavorare nel disagio dell’emergenza Covid, come lui stesso ha spiegato: “È stata un’avventura straordinaria, difficile, perché ci siamo messi al servizio dei cittadini, abbiamo dovuto cambiare pelle nell’epoca dell’emergenza Covid raccontando i problemi dei cittadini, cercando di diventare un centro d’ascolto”.

Ringraziamenti a tutto il team

Nel suo ultimo monologo in studio Sottile ha voluto dare grande spazio alla squadra del programma, nominando tutti dal primo all’ultimo: “È stato possibile grazie a una straordinaria squadra di redattori, di autori (…) tutte le persone che hanno lavorato qui, la produzione, la regia, lo splendido apparato tecnico della rai, i colleghi che hanno fatto in modo di mandarci in rete lo stesso”.

“Se ho sbagliato qualcosa, l’ho sbagliata io”

Verso la fine del suo discorso è lampante la commozione sul suo viso, tanto che le ultime parole sono pronunciate in lacrime: Se ho sbagliato qualcosa l’ho sbagliata io, se vi abbiamo portato beneficio è merito di questa squadra, di Mi Manda Rai3, che ovviamente mi mancherà come mi mancherete voi.

Per l’ultima volta vi saluto nel modo più affettuoso: ciao, buone vacanze”.