auto dei carabinieri in città con un carabiniere di fianco

Tragedia a Grosseto. Sembra che durante la notte, in una villetta alla periferia della città, un uomo, ex agente della polizia municipale, avrebbe sparato alla moglie per poi rivolgere l’arma contro se stesso.

Spara alla moglie e poi si suicida

Si sa ancora poco di quanto avvenuto in questa casa a Grosseto. I carabinieri hanno trovato il corpo di un uomo senza vita e una donna ferita gravemente. La signora è stata trasferita con l’elicottero all’ospedale di Siena. L’Azienda ospedaliero-universitaria Senese di Santa Maria alle Scotte, dove è stata portata, è un policlinico, il più grande della provincia e anche tra i maggiori di tutta la regione.

Al momento l’ipotesi al vaglio è quella di tentato omicidio-suicidio. La coppia avrebbe due figli. L’uomo che ha perso la vita sarebbe un sessantenne, ex agente della polizia municipale, e sarebbe stato in pensione da due anni.

Le prime informazioni

Stando a quanto rivelano i giornali al momento, tra i due ci sarebbe stata una lite nella serata di ieri. Intorno alla loro abitazione però, stando a quanto rivela La Nazione, ci sarebbero solo capannoni e campagna, difficile quindi che qualcuno possa averli sentiti.

Sul posto al momento ci sarebbe il magistrato di turno della procura di Grosseto, Giovanni De Marco.

Ancora violenza in famiglia

Questo ennesimo caso di cronaca arriva sulla scia di un weekend in un il caso di un’altra morte violenta all’interno di una famiglia ha scosso l’opinione pubblica. Mario Bressi, 45 anni, nei giorni scorsi ha ucciso i figli gemelli di 12 anni a Margno, nel lecchese, per poi suicidarsi buttandosi da un ponte. In questo caso, stando alle prime ricostruzioni degli inquirenti, la violenza sarebbe nata dopo l’avviarsi delle pratiche di divorzio dalle madre dei bambini.

 Davide Colombo, avvocato della madre dei piccoli, ha raccontato a La Repubblica qualcosa sulla separazione tra i due: “Non mi risultano tensioni tra loro, né minacce precedenti. La moglie non aveva intenzione di togliere i figli al marito. Le cose si stavano muovendo con la massima tranquillità“.