brueckner maddie mccann

Sono venuti alla luce nuovi indizi relativi al caso Madeleine McCann, la bambina rapita in Portogallo nel 2007. Queste, potrebbero confermare le accuse contro quello che da circa un mese è l’indiziato numero uno delle indagini: si tratta di Christian Brückner, un uomo tedesco di 43 anni. Secondo le nuove indiscrezioni, Brückner sarebbe responsabile di altre aggressioni.

Un altro tentato rapimento è venuto alla luce

Come riportato da fonti estere, le autorità tedesche che si stanno occupando del caso hanno ragione di credere che una bambina inglese di 10 anni sia stata vittima di un tentato rapimento da parte dello stesso Brückner; il tutto mentre si trovava in vacanza a Praia da Luz, in Portogallo, luogo dove l’uomo ha vissuto dal 1995 al 2007, anno in cui avvenne la scomparsa di Maddie.

Il fatto sarebbe accaduto due anni prima della scomparsa di Maddie: Brückner si sarebbe introdotto nella stanza del resort nel quale la famiglia inglese stava soggiornando, mentre i genitori della bambina erano fuori. Il crimine, sventato proprio dal ritorno in camera dei genitori, era già stato segnalato nel 2014 alla polizia inglese, ma solo ora è stato individuato come rilevante per le indagini del caso McCann.

Bruckner è sospettato di numerose aggressioni

Ora che Brückner è indagato del rapimento, il fatto è tornato al centro dell’interesse della polizia tedesca. Come riportato da fonti estere, Hans Christian Wolters, procuratore a capo delle indagini, ha confermato che l’uomo tedesco sarebbe sospettato di altre aggressioni: 18 casi potrebbero essere collegati alla stessa persona, tutti avvenuti nella zona di Algarve in un arco di tempo di 6 anni. In particolare, un dettaglio del caso della bambina inglese ha insospettito gli inquirenti: al momento della denuncia, la coppia britannica aveva dichiarato che l’aggressore puzzava e che probabilmente si trattava di un addetto alla raccolta dei rifiuti.

Molti casi simili denunciati nella zona erano avvenuti al mattino presto, subito dopo la raccolta dei rifiuti.

Maddie potrebbe essere viva

Nonostante fino a poco tempo fa gli investigatori non credevano che la piccola Maddie potesse ancora essere viva, il procuratore capo della polizia tedesca ha dichiarato che non ci sono le prove forensi per dire con certezza che sia morta.

La speranza è ancora l’ultima a morire: le acque attorno alla sparizione della bambina inglese sono tornate ad agitarsi dopo 13 anni.

Approfondisci

Maddie McCann, la Procura: “Prove evidenti che il sospetto abbia ucciso Madeleine”

Caso Maddie McCann, secondo un ex investigatore i genitori avrebbero mentito

Maddie McCann, nuove rivelazioni da parte dell’ex fidanzata del presunto rapitore