ambulanza coronavirus

Usa, Brasile, Spagna, Vietnam sono i Paesi che oggi raggiungono numeri sconcertanti per quanto riguarda l’emergenza sanitaria per la diffusione del Coronavirus. Dalla “catastrofe sanitaria” in cui versa l’America al record negativo post-lockdown segnato oggi in Spagna dove i nuovi casi di contagio sono 1.525. In Italia la situazione non migliora rispetto alla giornata di ieri: 379 i nuovi casi di contagio registrati in 24 ore.

Gli aggiornamenti nel bollettino del 31 luglio

Sono 379 i nuovi casi di contagio registrati in Italia nella giornata di oggi, 31 luglio. Come riportato nel bollettino della Protezione Civile, 117 di questi sono stati registrati nel Veneto, in linea con gli alti numeri registrati ieri.

A seguire, per nuovi casi di contagio, c’è la Lombardia con 77 casi, l’Emilia-Romagna con 36 casi, Marche e Piemonte con 21 casi. 12.422 le persone attualmente positive al Coronavirus in Italia, 11.665 di queste in isolamento domiciliare, 41 in terapia intensiva e 716 ricoverate in ospedale con sintomi. 199.974 i guariti e dimessi in totale dopo aver contratto il virus con l’incremento di 178 casi rispetto al bollettino di ieri.

Stabile il bilancio delle vittime: 9 i decessi registrati il 31 luglio per un totale di 35.141 vittime in Italia.

Il Comitato tecnico scientifico: “Il trend dei contagi è in crescita

Gli alti numeri registrati in queste settimane non possono essere altro che spunto di riflessione per studiosi e medici che continuano a definire preoccupante la situazione italiana. “Il trend dei contagi è in crescita ed esiste il rischio che la situazione possa sfuggire di mano come avvenuto già in altri Paesi ExtraEuropei“, è il pensiero del Comitato tecnico scientifico del Governo italiano affidato all’Huffington Post che mantiene la linea prudenziale richiamando all’ordine i cittadini che sembrano aver di punto in bianco abbassato la guardia senza alcuna ragione.

Aifa autorizza la sperimentazione di un vaccino ReiThera

Di questi momenti, sempre in relazione al Covid-19, la notizia che arriva dall’Agenzia Italiana del Farmaco – AIFA – che ha odiernamente autorizzato la sperimentazione di fase I sul vaccino contro il Coronavirus prodotto da ReiThera, azienda bio-tecnologica.

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, De Luca verso una nuova ordinanza: carta d’identità per chi va al ristorante

Coronavirus, focolaio dopo un matrimonio a Enna: 90 invitati in quarantena