Cronaca dal Mondo

Sfrattata dalla sua stessa figlia: anziana 88enne finisce in strada

Adriana Lobos, 88 anni, si è ritrovata per strada dopo essere stata sfrattata da una delle sue figlie. Gli altri membri della famiglia potrebbero ora passare alle vie legali nei confronti della responsabile del gesto
anziana sola

Una donna di 88 anni si è trovata a vivere per strada in piena pandemia da Covid-19, dopo essere stata sfrattata dalla sua stessa figlia. La vicenda, accaduta a Linares, in Cile, ha rappresentato una notevole fonte di preoccupazione per gli altri membri della famiglia, che adesso sarebbero pronti alle vie legali. L’anziana, che risponde al nome di Adriana Lobos, è stata soccorsa da vicini, mentre sull’accaduto sono in corso ulteriori accertamenti da parte delle autorità.

Sfrattata dalla sua stessa figlia

Secondo quanto riporta l’emittente televisiva latino-americana Televisa, la situazione era stata segnalata da alcuni residenti della zona, che si trovavano in quarantena a causa dell’emergenza coronavirus.

L’immagine dell’88enne, seduta sul marciapiede con accanto una valigia, aveva spinto i vicini di casa ad intervenire, ospitandola nella propria abitazione: “Ci siamo immediatamente occupati della signora Adriana insieme ai vicini che l’hanno accolta – ha spiegato Mario Meza, il sindaco di Linares – abbiamo fatto accertamenti medici e psicologici per renderci conto dei maltrattamenti a cui era stata sottoposta”.

La parte più inquietante della vicenda è venuta a galla solo in seguito, quando si è scoperto che a sfrattare l’anziana sarebbe stata sua figlia Fernanda. Secondo la signora Alejandra, un’altra figlia dell’88enne, il tutto sarebbe avvenuto nel deliberato tentativo di appropriarsi della casa di famiglia: “Pensavamo fosse tutto in regola, ma poi abbiamo scoperto che nel dicembre del 2019 Fernanda aveva tratto in inganno mia madre, facendosi intestare la casa”.

I familiari passano alle vie legali

Oltre al raggiro, l’anziana donna ha dovuto anche affrontare i rischi legati ad un possibile contagio.

Per il momento sta bene e si è trasferita a casa della seconda figlia. Intanto le autorità cilene si sono attivate per fornire loro un supporto legale: “Abbiamo messo a disposizione il nostro avvocato – ha spiegato Patricia Labra, del Ministero dello Sviluppo sociale e della famiglia – che fornirà tutta la consulenza legale alla famiglia dell’anziana, in modo che possano far valere i propri diritti nei confronti del responsabile”.

Approfondisci

Lodi, 44enne accoltella la madre anziana e poi si suicida

Treviso, anziana cade per strada: la aiuta solo l’autista di un bus

Anziana chiusa in casa: “Ho solo latte e biscotti”, i Carabinieri la aiutano

Potrebbe interessarti